Carta a mano per Letterpress

L’ultima tendenza nel campo della comunicazione è il più antico ed affascinate sistema di stampa, la tipografia, che dopo anni di decadenza è stata “riscoperta” negli Stati Uniti e da lì rapidamente si sta diffondendo in tutto il mondo sotto il nome di “Letterpress”.

Cosa la distingue dagli altri processi di stampa? Il fascino delle cose antiche, magari coniugato con una impostazione grafica modernissima, che consente di produrre degli oggetti di comunicazione semplici e nel contempo ricercati, di sicuro impatto sui destinatari del messaggio:

Letterpress sulla nostra carta a mano

Fondamentale per questa nuova/antica tecnica è Il supporto. La carta deve essere di alta grammatura, morbida al tatto e di altissimo spessore, per consentire alla matrice di entrare in profondità, ottenendo il caratteristico effetto di rilievo inverso, irripetibile coi sistemi di stampa digitali o litografici. Le sole carte oggi a disposizione degli stampatori, sia pure di ottima qualità, sono carte industriali, in forte contraddizione con la filosofia della stampa “Letterpress” che vuole privilegiare i metodi antichi e di conseguenza richiederebbe l'uso di carte a mano, le uniche utilizzate nei secoli d'oro della tipografia dal XV° a metà del XIX° secolo prima della diffusione della litografia offset e l'invenzione della stampa digitale, sistemi moderni che hanno però banalizzato la stampa.

Il gruppo di imprenditori e tecnici cartai italiani, che ha creato la “Papelera Don Bosco” nelle missioni peruviane, ha messo a punto un prodotto che supera questa contraddizione. Dopo un lungo studio e molti esperimenti ha iniziato a produrre una carta a mano specifica per il Letterpress le cui principali caratteristiche sono:

Materia prima: 100% cotone peruviano, rinomato per la sottigliezza e tenacità della sua fibra.
Preparazione della pasta: Semplice lavaggio a caldo delle fibre per ottenere il tipo "Bianco Cotone Naturale" e in aggiunta un processo di sbiancatura senza uso di cloro per il tipo "Bianco Grafico".
Formazione del foglio: Esclusivamente al tino “foglio per foglio” come testimoniano i bordi irregolari.
Grammature: Utilizzando solo le tecniche antiche è possibile ottenere con facilità carta di tutte le grammature, con pesi al metro quadro anche superiori ai 1000 grammi, cosa impossibile con le macchine continue.
Spessore: Sono state messe a punto le tecniche che consentono di ridurre al minimo la pressatura del foglio dopo la sua formazione. Ciò consente si ottenere dei fogli di spessore elevato che si prestano benissimo ad una stampa in profondità, segno distintivo del “Letterpress”.
Superficie: L’asciugatura avviene lentamente e in maniera naturale, con la sola azione del sole e della brezza del vicino Oceano Pacifico. Ne consegue una superficie naturalmente ruvida, morbida al tatto e assai piacevole, che non crea nessuna difficoltà alla stampa.
Certificazioni: La certificazione del processo e le caratteristiche tecniche secondo le norme ISO sono consultabili qui
I nostri kit per letterpress
Buste abbinate, con patella a bordi naturali
 

La nostra offerta

GRAMMATURE
200 g/m2 Appositamente studiata per tutte quelle applicazioni dove non si può usare carta di altissima grammatura. E' la carta che usiamo per confezionare le nostre buste per cartoncini Letterpress, che devono essere più pesanti del consueto per contenere cartoncini di alto spessore.
400 g/m2 Particolarmente indicata per biglietti da visita e altri lavori di piccola dimensione.
600 g/m2 Ideale per partecipazioni di matrimonio, inviti e ogni altro lavoro di piccola cartoleria in formato medio.
800 g/m2 Ideale per lavori di grande dimensione dove la grammatura deve essere proporzionata alla superficie.
1000 g/m2 Per chi desidera un prodotto al di fuori del consueto.
Fogli letterpress 11x19cm, a bordi strappati
Bianco grafico in alto e bianco cotone, in basso
COLORI
Bianco Grafico Bianco puro, per progetti che richiedono una superficie dal colore uniforme e neutro per far risaltare la grafica.
Bianco Cotone Naturale Ottenuto senza nessuno sbiancamento, lascia intatto il colore dei fiocchi di cotone. La superficie è ancora più morbida ed è perfetta per progetti che puntano sul fascino del cotone e dei procedimenti naturali. Ulteriore caratteristica sono i rari e minuti puntini più scuri presenti nell'impasto, i frammenti dei semi di cotone che testimoniano l'artigianalità della produzione.
FORMATI
Per l'elenco completo dei formati e grammature disponibili, consultate il nostro:
Fogli A2 Fogli stesi formato 42 cm x 59.5 cm, (16 9/16 x 23 7/16 inches) con i bordi naturali da telaio. Per chi desidera formati personalizzati o vuole rifilare i cartoncini per necessità di registro o colorazione.
Cartoncini a bordi strappati Cartoncini di varie grammature e dimensioni, strappati manualmente, per chi preferisce una carta dai bordi irregolari. Sono previsti in abbinamento a tutti i formati delle buste.
Buste Buste di diverse misure, tutte realizzate con carta da 200 g/mq. Sono perfettamente abbinate per colore e superficie al cartoncino “Letterpress”. Le buste sono strappate manualmente. Quelle a chiusura orizzontale hanno la patella ricavata dal bordo del telaio e presentano quindi una sfilacciatura naturale molto elegante. Tutte le buste sono marcate a secco col nostro marchio “Don Bosco”. Le ordinazioni di almeno 25 pezzi vengono confezionate in robuste ed eleganti scatole predisposte per ospitare, dopo la stampa, i cartoncini pronti, in modo che la presentazione ai clienti finali sia elegante e preziosa.

Consigli per la stampa

I migliori risultati di stampa si ottengono impiegando le macchine di tipo più antico e semplice, sia quelle azionate da motore elettrico che quelle a pedale o a leva manuale. Per le macchine automatiche, come ad esempio la Heidelberg Windmill, è consigliabile, se si vogliono utilizzare le grammature più elevate (ad esempio i 1000 g/m2) effettuare prima un test sull’apertura delle due pinze.

La carta a bordi strappati, specialmente sulle macchine automatiche, può causare delle piccole variazioni di posizione della stampa a causa dell’irregolarità del bordo di registro. In caso di stampe a due o più colori si consiglia di studiare il progetto di modo che tali imperfezioni non siano molto evidenti.

La stampa può essere eseguita con cliché in metallo (zinco, magnesio, ottone rame ecc.), caratteri mobili (piombo e legno) e foto-polimeri con o senza base metallica. Usando gli impianti consueti si possono già raggiungere ottimi risultati. Per ottenere un effetto di incavo particolarmente pronunciato è consigliabile predisporre degli impianti molto “rilevati”.

Chiudi

Questo sito sta utilizzando cookie a fini statistici. Proseguire nell'uso del sito implica l'accettazione dei cookie. Maggiori informazioni